Millo

Millo, all’epoca Francesco Camillo Giorgino, nasce a Mesagne in provincia di Brindisi, nel 1979. Si laurea in architettura a Pescara dove continua a fare base tra un viaggio e l’altro. Il suo stile è inconfondibile: persone giganti che si aggirano, si intrecciano e si mescolano in paesaggi fatti di case e palazzoni dalle mille finestre dove si attorcigliano mille strade popolate da mille macchine. La padronanza della visione architettonica gli permette di giocare con le prospettive in modo magistrale, riuscendo così a rendere il caos urbano apparentemente ordinato. Nel 2014 vince la B.Art competion che gli ha dato la possibilità di dipingere 13 muri nella città di Torino. Ma le opere di Millo arrivano ben oltre l’Italia approdando a città come Parigi, Londra e Rio de Janeiro. Il tema con cui si confronterà in questo Festival è le “Pari opportunità”.

MILLO, per la sua opera, ha scelto ed interpretato l’articolo 3 della Costituzione:

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione], di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.  E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.